Vai al contenuto

PSG-Juventus. Poteva andare peggio

psg juve champions league
Condividi:

Già: poteva andare peggio. Dopo i primi 20 minuti la sensazione è stata: “cazzo, qui finisce con una disfatta storica”. E invece si è perso “solo” 2-1. Ci sarebbe quasi da essere contenti perché si è vista una reazione, perché, sopratutto nel secondo tempo, la sensazione è stata di una partita aperta ad ogni risultato.

La verità è un altra, a mio avviso. Per me il PSG, a torto o a ragione, si è semplicemente fermato ad aspettare la fine. Certi della propria superiorità hanno tirato i remi in barca e hanno iniziato a “giochicchiare”.

In ogni caso meglio feriti che morti.

Considerazioni sparse:

  • Nonostante non abbiano brillato, il potenziale di quei due lì davanti, Vlahovic e Milik, è evidente. Non giocando sempre contro dei marziani e con i giusti cross potrebbero fare sfaceli. Potrebbero.
  • Paredes sembra averci fatto scoprire il passaggio verticale (in avanti). Vale 4 volte Arthur e si intravede quel tipo di giocatore alla Pirlo/Pjanic che ci manca da troppo. Preciso, sicuro, tecnico.
  • Kostic ha macinato chilometri sulla sinistra. Non è un fenomeno ma, a parte il mancato cross finale, mi piace. Sicuro senza Chiesa e con un terzino sinistro inguardabile come l’attuale Alex Sandro è quanto di meglio ci sia da quella parte.
  • Difesa da rivedere. È ovvio che quando sai di giocare contro Messi, Neymar e Mbappè finisce che ti caghi in mano prima ancora di scendere in campo ma poi occorre darsi due schiaffi e dirsi: “ce la posso fare”. I gol invece sono arrivati con i nostri un po’ spaesati, in attesa, pacifica, dell’inevitabile. Un fallo in più, fin da subito, non avrebbe fatto male.

Bocciati: Bonucci, Vlahovic, Cuadrado
Promossi: Paredes, Kostic, Mackenny

Mbappè è di un altro pianeta.
Danilo, un capitano più di quello ufficiale.


Condividi:

2 commenti su “PSG-Juventus. Poteva andare peggio”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.