Vai al contenuto

Allegri pre-partita PSG

  • di
Allegri PSG
Condividi:

Ma come si fa? Come si fa, a pochi giorni dal match contro il Paris Saint Germain a dire che le partite da vincere, quelle più importanti, sono quelle contro il Benfica?
Anni di esperienza nazionale e internazionale, milioni di interviste e Max Allegri mi tira fuori questa frase che demotiva tutto l’ambiente – calciatori, tifosi, media – in meno di 10 secondi. Un record. Un talento.

E non è la prima volta. L’ha fatto anche prima di partite contro squadre piccole questa cosa di ridimensionare pretese e aspettative.

Capisco che non sia uno di quegli allenatori da “andiamo in campo e facciamogli il culo” ma nemmeno si può dire “tranquilli che tanto se la perdiamo comunque non è fondamentale”.

È così che si crea la mentalità vincente? È così che si stimola ognuno a dare il 110%? Potrebbe dire: magari sulla carta loro sono più forti ma noi uniti ce la possiamo fare, no? Potrebbe dire: “vincere con il Sassuolo è normale, ma vincere contro Messi, Naymar e Mbappè ci proietterebbe nella storia di questo club”. Perché non lo dice? Ha così poca fiducia nei suoi uomini da non volerci provare nemmeno a parole?

In questi giorni le domande sono tante e su tutte regna la speranza, grande, che negli spogliatoi e tra i suoi uomini il nostro mister si trasformi. Che tiri fuori quel “fino alla fine” che dovrebbe contraddistinguere ogni juventino vero. Viceversa la fine arriverà prima di quanto ci si aspetti, prima la fine dell’avventura in champions e poi la sua, quella del mister di ritorno.


Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.